La Villa abbandonata del Barone Isacco Artom.

Urbex MJ si è avventurato nell’esplorazione di una villa abbandonata appartenuta ad un Barone e Scienziato di nome Isacco Artom.

Chi era Isacco Artom? Il Barone Artom era uno Scienziato che contribuì all’unità di’Italia, fu ambasciatore durante la Pace di Vienna e fù il vero e proprio artefice della Breccia su Roma.

La villa fù abitata anche da Alessandro, altro Artom molto famoso per la creazione del radiogogniometro e altri brevetti volti alle telecomunicazioni ora proprietà dello Stato.

Foto del salone di Villa Artom

Isacco Artom, Barone e Scienziato di origini Piemontesi

Isacco Artom nasce ad Asti il 31 Dicembre 1829, volge la sua vita alla ricerca, alla politica e alla diplomazia in Italia e non, è in assoluto il primo Ebreo in Europa a rivestire un incarico diplomatico fuori dal proprio paese.

Gli anni della gioventù di Isacco vengono spesi a Pisa dove studia e incontra per la prima volta l’ambiente risorgimentale, nel 1848 si arruola nel battaglione universitario e parte per la battaglie di Curtatone e Montanara. Dopo un breve periodo di malattia, Isacco si sposta a Torino per completare gli studi e laurearsi, successivamente entrò a far parte di testate come l’Opinione e il Crepuscolo.

Inutile sottolineare che lo stesso Camillo Benso Conte di Cavour lo prese come suo uomo di fiducia subito dopo l’ingresso al Ministero degli Esteri, tra il 1862 e il 1870 passo diverso tempo tra Parigi e Copenaghen rivestendo il ruolo di segretario di Legazione, mentre dal 1870 al 1876 rientrato in Italia ricopre la carica di Segretario Generale del Ministero degli esteri.

Morì il 24 Gennaio 1900 a Roma e il suo elogio funebre fu letto dall’ex ministro dimesso dopo la caduta della destra, Visconti Venosta.

Dettaglio del salone di Villa Artom

La Villa abbandonata

Villa Artom o Villa del Chiosseto si estende su di una collina circondata da campi e boschi, con una superficie calpestabile di circa 1800 mq, troviamo appena superato il cancello in un impressionante viale alberato che ci trasporta in un mondo che sembra quasi una fiaba, la Villa comprende il corpo principale e abitativo, le scuderie, la zona nobile padronale per un totale di tre piani e oltre 5 ettari di terreno con un parco che volge verso sud.

All’interno di Villa Artom troviamo ancora affreschi e arredamenti dell’epoca, buona parte dell’abitazione è ancora intatta con infissi e sanitari, le porte e le vetrate ci riportano al momento esatto in cui la casa ha smesso di vivere, lasciandoci un vuoto e una immensa tristezza per questo luogo lasciato a se stesso…

Scopri il video dell’esplorazione cliccando qui e non ti dimenticare di iscriverti al canale Youtube per rimanere sempre aggiornato sulle nostre avventure!

Ultimi Articoli

Ex cotonificio Losa, come in una capsula del tempo

Ciao a tutti amanti dell'urbex in Italia, oggi vi portiamo in un luogo senza tempo, dove tutto è rimasto al suo posto...come...

La centrale termoelettrica abbandonata

Oggi ci troviamo, amanti dell'urbex in Italia, a parlare della ex centrale termoelettrica di Castellanza una vera e propria struttura mastodontica costruita...

Cosa abbiamo scoperto scavando nella storia della villa di Alice e Nelly?

Questa è stata una esplorazione urbex che ci ha portato quasi nel mondo delle favole, l'esperienza di camminare in questi ambienti è...

La bellezza dell’ Orceana Park.

Urbex MJ oggi vi porta ad esplorare un ambiente un po' diverso dal solito, si tratta infatti di un centro commerciale e...

Consigliati per te

1 Comment

Rispondi