Il castello che cadde in mano ai malavitosi

- Advertisement -

Dalle fondamenta Medievali è stato ricostruito questo magnifico castello che comprende ben 153 stanze per mano di Riccardo Gualino un milionario dell’epoca.

Non bisogna andare troppo indietro per arrivare a questa grande ristrutturazione e ricostruzione, infatti tutto ciò avvenne tra il 1909 e il 1913, ma nel 1928, per 800mila lire il castello venne messo sotto sequestro dalla Banca d’Italia e gli arredi vennero venduti all’asta.
Parlare oggi, di un sequestro folle, come quello di un castello per una cifra simile, fa ridere…ma all’epoca 800mila lire erano un po’ come per noi oggi 1 milione di euro.

- Advertisement -

Negli anni 40′ divenne poi un seminario e venne anche modificato per adattarsi meglio alle esigenze della chiesa, ma il meglio arriva negli anni 80′ dove il castello diventa a tutti gli effetti il centro nevralgico di un’organizzazione malavitosa che, diede vita ad una vera e propria fabbrica di droghe e chissà quali altre nefandezze.

La Guardia di Finanza comunque, riuscì ad arrestare tutta la gang e anche il boss Jean Jehan, alcuni macabri ritrovamenti lasciarono tutti senza parole, come il ritrovamento di un cadavere bambino…apparentemente deceduto per cause naturali.

- Advertisement -

Dopo queste mirabolanti avventure, il castello è stato messo in vendita, ma senza alcun risultato al momento, si dice che lo stesso Agnelli sembrava interessato all’acquisto di questa reggia, ma alla fine decise di lasciar perdere.

La superfice sterminata e la posizione rialzata rispetto al paese permettono a questa costruzione di sovrastare la zona e di avere un’ottima esposizione alla luce per l’intero giorno.

Ad oggi rimane un luogo davvero affascinante e tristemente abbandonato, che lascia sicuramente tutti senza parole per la sua maestosità e imponenza.

Fateci sapere nei commenti cosa ne pensate di questo castello nei commenti e mi raccomando, guardate il video completo dell’esplorazione!

- Advertisement -

Ultimi Articoli

La villa delle vetrate

La cosa che colpisce più di tutte ovviamente, dal nome, sono le magnifiche vetrate che ricordano molto le vetrate a piombo Veneziane,...

La villa nel bosco è disabitata dagli anni ’90

Bentornati amanti dell'urbex in Italia, oggi vi portiamo in un bosco, lontano da occhi indiscreti e nel cuore della vegetazione...la nostra villa.

Tutto come era stato lasciato alla villa ferma nel tempo

Come nei migliori racconti fantasy dove un luogo rimane congelato nel tempo per poi essere ritrovato intatto, questa villa è qualcosa di...

Una villa che sembra uscita da Annabelle

Come nei migliori film horror ci vuole una bella villa, una strada leggermente fuori mano, un bosco subito adiacente alla villa, polvere...

Consigliati per te

Rispondi